Sicilia, manca ancora il bilancio di Crocetta. E’ allarme rosso per i conti

Novità per quanto riguarda il bilancio della Regione Siciliana. Il governo non vara ancora i documenti contabili, anzi: l’esercizio provvisorio non sarà più di due mesi, come era stato annunciato da indiscrezioni dei giorni scorsi, ma addirittura di quattro mesi, fino ad Aprile 2015.  È emerso da una riunione di maggioranza convocata d’urgenza, nella quale si è preso atto che bisogna procedere ai necessari tagli per far quadrare i conti e che si dovranno accelerare i tempi per spendere al massimo i fondi europei. Circa il primo tema, il bozzone di bilancio conterrà tagli che, al momento, oscillano tra il miliardo e mezzo e i due miliardi e mezzo di euro. Sono stati già programmati dei tagli ai capitoli che finanziano i precari e gli stipendi dei dirigenti regionali.  Altri tagli previsti per i forestali e per il parlamento regionale. La situazione, dicono alcuni funzionari, è da allarme rosso.

Circa i fondi europei, invece, la Sicilia, grazie al governo Renzi, ha appena perso 500 milioni di euro del fondo Pac, che saliranno ad un miliardo nei prossimi tre anni. La legge di stabilità, infatti, prevede che questi fondi vanno tagliati,per finanziare un’altra misura, che riguarda invece gli sgravi contributivi per le imprese che assumono. Per Leoluca Orlando, sindaco di Palermo e presidente dell’Anci Sicilia, “è una scelta che determinerà conseguenze gravissime”. E mentre Sel e Forza Italia attaccano il governo e Crocetta che non fa sentire la sua voce a Roma, non ci sono dichiarazioni da parte dei deputati del Pd, che fino all’ultimo, in verità, avevano tentato di fare cassare l’articolo.
Intanto, il presidente dell’Ars Giovanni Ardizzone ha diffidato “formalmente il governo a depositare gli atti di bilancio, abbiamo superato il tempo massimo. In sessanta anni di autonomia è la prima volta che, a fine dicembre, non ci sia neanche una bozza di bilancio depositata negli uffici dell’Assemblea. Credo che la situazione, seppure nella sua complessità, sia unica. Nel senso che non si può mettere in difficoltà l’Ars e la Sicilia, in particolare, non avendo idea, perché di questo si tratta, di quello che deve essere il percorso finanziario e l’opera di risanamento che deve fare la Regione». “Sono fortemente preoccupato – ha aggiunto – di questa situazione, mi auguro che al più presto il Governo mandi gli atti del bilancio ai nostri uffici. Ma gli auspici non bastano… “. Tra l’altro il governo non si è nemmeno presentato alla conferenza dei capigruppo che doveva calendarizzare quanto meno il disegno di legge per l’esercizio provvisorio, e così ad Ardizzone non è rimasto altro da fare che aggiornare tutti, con la spranza di utilizzare l’ultima finestra disponibile, quella del 28 e 29 Dicembre.

Nel frattempo è cambiato il Ragionierie Generale. E’ stato nominato dalla Giunta Salvatore Sammartano, sostituisce Giovanni Bologna che a sua volta aveva preso il posto di Mariano Pisciotta: “Certo – dichiara Ardizzone – non è confortante cambiare il terzo Ragioniere generale nel giro di pochi giorni e i nuovi direttori generali, mentre siamo in fase avanzata sulla questione finanziaria”.

L’Ars è paralizzata. L’unica buona notizia arriva dalla Commissione finanze dell’Assemblea Regionale Siciliana, che è riuscita a sbloccare i fondi per pagare gli stipendi di ex Pip, articolisti e trattoristi.

Sicilia, manca ancora il bilancio di Crocetta. E’ allarme rosso per i conti 2014-12-17T10:11:29+00:00