Turismo religioso, il 27 marzo sulla Gurs l’avviso per nuovi progetti

Sarà pubblicato giorno 27 marzo 2015 sulla Gurs e, a giorni, sul sito dell’assessorato regionale al Turismo, l’avviso per la realizzazione di attività finalizzate alla creazione di itinerari turistici dedicati al segmento del turismo religioso nell’ambito del progetto di eccellenza denominato “Culto e cultura, progettazione e realizzazione di itinerari per la valorizzazione del turismo religioso” di cui alla Legge nazionale n. 296 del 2006.
Con questa nuova linea di finanziamento si intende rafforzare il segmento del mercato turistico legato alla motivazione religiosa, che in Sicilia trova un fattore di competitività visti gli innumerevoli siti di grande interesse e suggestione.
Le attività nello specifico dovranno caratterizzarsi per la creazione di reti tra operatori pubblici e privati ed in particolare dovranno:
valorizzare beni di interesse storico–religioso delle diverse culture e dei valori comuni;
valorizzare e promuovere servizi di accoglienza e fruizione turistica;
prevedere la formazione di risorse umane;
prevedere approfondimenti tematici e animazione territoriale e piccoli interventi infrastrutturali per migliorare l’accessibilità dei siti di interesse.
La realizzazione di questi itinerari, sviluppati in un modello tipo “cammino di Santiago”, consentirà di poter elaborare un’offerta turistica ancora più completa e rispondente ad una delle tante esigenze dei turisti che intendono vivere nella nostra isola un’esperienza di turismo alternativo rispetto alle mete classiche e già mature.
“Obiettivo di questo bando – spiega l’assessore al Turismo Cleo Li Calzi – è quello di incrementare il flusso dei turisti in Sicilia attraverso questo segmento, che riteniamo, tra l’altro, utile a sostenere la destagionalizzazione. La Sicilia si appresta – prosegue l’Assessore – a specializzarsi in quest’altro settore dell’offerta turistica che valorizza altresì non solo il patrimonio religioso, ma anche quello culturale e, secondo un’accezione più ampia, quello naturalistico. Immaginiamo il turismo religioso come il turismo dell’esperienza che coinvolga anche il rapporto con il territorio e la natura. Sotto un altro aspetto si ritiene – conclude Cleo Li Calzi – che questo Avviso possa stimolare l’avvio di nuove iniziative imprenditoriali che, magari attraverso una modalità integrata, possa creare nuova occupazione”.
La dotazione finanziaria di cui all’avviso è di 1.800.000 Euro, il contributo previsto a beneficio dei proponenti è determinato nella misura massima del 80% del costo del progetto e comunque entro il limite massimo di 160.000 Euro.
Possono presentare istanza sia soggetti pubblici che privati con le caratteristiche illustrate nel dettaglio nell’Avviso.
Le istanze potranno essere presentate entro il 45° giorno successivo alla data di pubblicazione sulla GURS.
Copia integrale del Decreto e dell’Avviso al seguente link:
http://pti.regione.sicilia.it/portal/page/portal/PIR_PORTALE/PIR_LaStrutturaRegionale/PIR_TurismoSportSpettacolo/PIR_Turismo/PIR_Trasparenza_Atti_Art68/PIR_2015/PIR_DecretiMarzo2015secondadecade/DDG376-A2%20del%2018.03.2015.PDF

Turismo religioso, il 27 marzo sulla Gurs l’avviso per nuovi progetti 2015-03-19T12:11:46+00:00