Se nell’invito della Regione Sicilia per l’Expo 2015 spunta la “james” session

La Sicilia è pronta per l’internazionalizzazione e per la grande vetrina di Expo Milano 2015. D’altronde, ce lo vanno dicendo da mesi, di quanto sia importante la partecipazione della nostra isola all’evento, con l’organizzazione di questo “Cluster Biomediterraneo” del quale non si poteva fare a meno. Bene. Certo, dovremmo anche un po’, magari, internazionalizzare, la nostra lingua. Nel comunicato stampa di lancio delle prime iniziative della Sicilia all’Expo, c’è un mostro: l’espressione “jam session” (un termine che viene dal jazz, quando musicisti diversi si uniscono per dare vita a delle improvvisazioni. “Jam” in inglese significa marmellata) diventa “james session”… il classico modo di intendere l’inglese “alla siciliana”.  Insomma, una bella marmellata. Anche per questo nel resto del mondo ci vogliono così bene.

Comunque, per tornare ai fatti.  A far da apripista per i 180 giorni di attività, unico partner pubblico italiano di EXPO MILANO  2015, saranno le isole di Sicilia (Pantelleria, Lampedusa, Linosa, Favignana, Levanzo, Marettimo, Ustica, Lipari, Vulcano, Salina, Stromboli, Panarea, Alicudi e Filicudi) che porteranno a Milano prodotti, stili di vita, identità culturali ed attrattive territoriali.  Questa modalità intende premiare le peculiarità di ciascun apporto identitario, all’interno di un’armonia condivisa, dicono alla Regione. O piuttosto potrebbe essere il tentativo di mostrare Expo Milano 2015 per quello che realmente è: la fiera del grande assaggio globale….

james sessionRiceviamo e pubblichiamo:

Spettabile Redazione,

con riferimento all’articolo da voi pubblicato in data odierna  nello scusarci per l’errore, James session al posto di Jam session, dovuto ad un intervento automatico del computer, si precisa quanto segue.

Il termine deriva da “jamu” una parola proveniente dall’africa occidentale che significa INSIEME IN CONCERTO.

Noi abbiamo usato il termine virgolettato per intendere la capacitá di tanti solisti, quante sono le imprese dell’agroalimentare siciliano che, condividendo insieme un tema, la biodiversitá del mediterraneo, lo sviluppano secondo la loro sensibilitá territoriale.

Le jam session rappresentano inoltre un terreno fertile per l’incontro, lo scambio di idee e sono l’occasione dove sono nate molte collaborazioni musicali.

Nel ringraziare per lo spirito di collaborazione, é gradita l’occasione per porgere cordiali saluti.

Alessia Daví

 

Se nell’invito della Regione Sicilia per l’Expo 2015 spunta la “james” session 2015-04-27T11:33:12+00:00