Sicilia, patto Pd – Udc sulle riforme. Incontro tra Raciti e D’Alia

In Sicilia un patto Pd – Udc sulle riforme. Si sono incontrati Fauto Raciti e Gianpiero D’Alia.  “E’ un incontro sulle priorità da affrontare” dice il segretario regionale del Pd Fausto Raciti.  Parlando dei rapporti con gli alleati Raciti ha detto che il Pd sta rinsaldando “l’asse con l’Udc sulle cose da fare. Già con le elezioni amministrative, prima che scoppiassero i problemi seguiti alle dimissioni di Lucia Borsellino, abbiamo avviato un lavoro che guardava al dopo per essere pronti ad affrontare eventuali passaggi elettorali”.

“Spero – ha osservato – che nell’arco dei prossimi mesi si riesca a stabilire un clima positivo in aula con Ncd”. “Ci confronteremo – ha concluso – anche con gli altri partiti della maggioranza, che sono alleati importanti per noi. Adesso occorre rimettere la barra dritta per riorganizzare il lavoro della maggioranza e del governo”.

Sulla stessa linea il presidente dell’Udc Gianpiero D’Alia: “Questa iniziativa fa seguito all’incontro che il segretario del mio partito – ha detto D’Alia – ha avuto con il segretario siciliano del Pd Fausto Raciti per fare un patto di consultazione all’Ars e nel rapporto con il governo, per recuperare i ritardi che in questi ultimi anni ci sono stati perché all’interno della maggioranza non c’è stata chiarezza sul percorso di riforme da mettere in campo. Il passato è passato. Riteniamo che questo mese di agosto debba essere produttivo per l’Assemblea regionale, perché questo ci consentirà di affrontare il tema della prossima legge di stabilità, del rapporto finanziario tra lo Stato e la Regione siciliana”.

A chi gli chiedeva cosa è cambiato rispetto a pochi giorni fa, quando la possibilità di proseguire l’esperienza di governo non era scontata, D’Alia ha risposto: “E’ cambiato che si stanno cominciando a fare le riforme. Se si continuano a fare le cose concrete per cui i siciliani ci hanno votato andremo avanti altrimenti staccheremo la spina “.

Per il segretario regionale dell’Udc, Gianluca Miccichè, si è stabilito “un metodo di lavoro e di concertazione con il Partito democratico che è il nostro alleato principale in Sicilia. Di qui in avanti guardiamo alle cose da fare come la riforma dell’acqua pubblica. In Sicilia sull’acqua si sono fatti grandi affari, questa legge porta ordine e mette un punto fermo”. Sull’ipotesi di un voto anticipato in primavera, Miccichè ha detto che “non bisogna avere l’ansia delle elezioni. Noi siamo pronti in qualunque momento, ma dobbiamo guardare alla costruzione di un’alleanza politica ampia”.

Riferendosi ai rapporti tra Udc e Ncd per costruire un soggetto politico dei moderati, ha detto: “Stiamo lavorando per costruire un partito che abbia le basi per rappresentare i moderati in Italia. Area popolare è un punto di passaggio. La Sicilia sarà un laboratorio perché comunque vada si andrà al voto prima delle politiche”.

Sicilia, patto Pd – Udc sulle riforme. Incontro tra Raciti e D’Alia 2015-08-05T14:59:24+00:00