Referendum, ecco gli otto quesiti per i quali “Possibile” raccoglie le firme

 Referendum, ecco gli otto quesiti per i quali “Possibile” raccoglie le firme. Da  metà luglio circa, Pippo Civati e i suoi sono in piazza a raccogliere le 500mila firme necessarie a sottoporre all’elettorato otto quesiti referendari.

Quella lanciata da “Possibile” – il movimento di Civati appunto – è una campagna con una deadline stretta, visto che le firme vanno depositate entro il 30 settembre. Per siglare, quindi, il tempo è ancor più stretto.

quesiti sottoposti al corpo elettorale, come detto, sono otto e riguardano quattro argomenti: legge elettorale, ambiente ed economia, lavoro e scuola.

Il primo quesito propone di eliminare il blocco dei capilista e la possibilità di candidature in più collegi elettorali. Il secondo, ancora, ha l’obiettivo di eliminare in toto la legge, con conseguente ritorno al Consultellum (proporzionale puro con preferenza e soglie di sbarramento). Il terzo riguarda l’eliminazione delle trivellazioni in mare, mentre il quarto propone di cancellarne la loro caratterizzazione strategica. Ilquinto attacca le procedure speciali per le grandi opere, mentre sesto e settimo puntano il dito contro il Jobs Act (rispettivamente su demansionamento e licenziamenti), appena portato a compimento. L’ottavo quesito, infine, si concentra sulla scuola e sul potere di chiamata diretta dei super presidi. Per aderire, qui ci sono tutte le istruzioni.

Referendum, ecco gli otto quesiti per i quali “Possibile” raccoglie le firme 2015-09-07T05:59:16+00:00