Caso Saguto, spunta anche il caso del finto attentato

Caso Saguto, spunta anche il caso del finto attentato. Secondo l’inchiesta condotta dai pm di Caltanissetta, la giudice Silvana Saguto fece circolare finte notizie su probabili attentati ai suoi danni.  E’ una delle pagine più amare, possiamo dire (e comunque tutta da verificare, siamo ancora in fase di indagine)  nell’inchiesta nissena sulla gestione dei beni confiscati a Palermo,e che vede coinvolti quattro magistrati palermitani, Saguto, Tommaso Virga, Lorenzo Chiaramonte e Dario Scaletta. Mentre il Csm indaga per incompatibilità ambientale. La notizia la riporta oggi il Messaggero.  Gli inquirenti stanno passando al setaccio conti e materiale sequestrato alla Saguto, indagata per corruzione aggravata, abuso d’ufficio e induzione alla concussione, nonché presso studi e abitazioni dei più noti amministratori giudiziari della città che, in cambio di consulenze o favori al marito e ai figli del giudice, avrebbero ottenuto incarichi d’oro nella gestione milionaria dei beni sottratti alla mafia.
Ed ecco cosa scrive Il Messaggero:

“La Saguto avrebbe incaricato la sua scorta di svolgere compiti che nulla avevano a che vedere con ragioni di servizio,  ma private. E ancora: per “sterilizzare” le voci maligne sul suo conto alimentate da inchieste giornalistiche, trasmesse da Telejato e dalle Iene, aveva deciso di passare al contrattacco. Come? Facendo circolare la notizia che la mafia la voleva morta. È il 22 maggio scorso. Alcuni siti web e agenzie riferiscono di una nota dei servizi segreti in allarme per l’incolumità della Saguto e di un altro magistrato, Renato di Natale. Per gli inquirenti di Caltanissetta si tratterebbe di un’operazione costruita a tavolino: un ufficiale della Dia avrebbe diffuso la notizia, molto vecchia, con il solo obiettivo di sollevare un clamore mediatico attorno alla giudice paladina dell’antimafia, per ottenere la solidarietà di colleghi e opinione pubblica”.

Era lo scorso Maggio, proprio alla vigilia della strage di Capaci, quando emerse fuori la notizia che la mafia voleva uccidere Silvana Saguto. Notizia ripresa, ovviamente, da tutti i media nazionali. “Per eliminare il magistrato  – dicevano gli articoli apparsi dappertutto –  che fa la guerra ai clan a colpi di sequestri e confische patrimoniali, c’era un accordo fra i clan mafiosi gelesi e palermitani Uno scambio di favori tra boss: qualcuno legato agli Emmanuello avrebbe dovuto uccidere il giudice di Palermo e i palermitani, in cambio, si sarebbero dovuti sbarazzare di un altro magistrato.

A seguito di alcune note dei servizi segreti Saguto fu oggetto di un piano di sicurezza straordinario.  Per proteggere il giudice sono arrivati più uomini di scorta, le è stata assegnata una nuova macchina, messa a disposizione dal ministero dell’Interno, con il livello massimo di blindatura, e l’esercito vigila sotto la sua abitazione.

Caso Saguto, spunta anche il caso del finto attentato 2015-09-14T11:38:50+00:00