Almaviva annuncia in Sicilia 2500 esuberi. Rischio anche per il call center 4U. Ksm riduce i licenziamenti

Almaviva,  annuncia 2.500 esuberi: i lavoratori scendono in piazza. La società, che in Sicilia conta due sedi (una a Palermo, l’altra a Catania) e un organico complessivo di circa 7 mila addetti, tra lavoratori assunti con contratti a tempo indeterminato (circa 5mila) e collaboratori, ha annunciato 2.500 esuberi. I sindacati chiedono l’intervento delle istituzioni per scongiurare i licenziamenti. A sostegno dei lavoratori, Rifondazione Comunista ha indetto per stamani un presidio insieme ai lavoratori a progetto sotto la sede dell’Ispettorato del lavoro in via Toselli 30. “Vogliamo – dichiara Vincenzo Fumetta, segretario provinciale di Rifondazione Comunista Palermo – denunciare a chi ha tra i suoi compiti principali la vigilanza sulla normativa in materia di lavoro e sulla corretta applicazione dei contratti collettivi che a Palermo esiste un’azienda con migliaia di dipendenti che ha deciso in maniera unilaterale di modificare l’accordo del 2013 applicando la vergogna del cosiddetto Talking Time. L’ispettorato del lavoro non può far finta di non vedere quello che accade da quasi due mesi in Almaviva, non può far finta di non sapere che l’intenzione della azienda è quella di estendere il talking time anche nelle altre sedi che l’azienda ha in Italia. Se in questo Paese esiste ancora una normativa del lavoro, uno Statuto dei lavoratori, l’ispettorato del lavoro deve intervenire immediatamente e bloccare questa deriva prodotta dal liberismo che in primo luogo offende e umilia la dignità dei lavoratori. Noi siamo perfettamente coscienti – conclude Fumetta – che soprattutto i lavoratori a progetto vivono sotto il ricatto e la paura di perdere anche quel misero stipendio che spesso sorregge intere famiglie e per questo vogliamo provare a fare da megafono a questa sofferenza tuttavia sarà solo se i lavoratori riescono a spezzare le catene dell’isolamento che il liberismo impone a ciascuno di noi che si potranno ottenere dei reali cambiamenti”.

4U.   Lo spettro dei licenziamenti si agita per i lavoratori del call center palermitano4U Servizi. La società di via Ugo La Malfa, infatti, ha annunciato oggi l’avvio delle procedure di mobilità per 245 addetti su 330. Un provvedimento che la società motiva per via della perdita di una grossa commessa con la compagnia telefonica Wind, sfumata circa un mese fa. Ad aggiudicarsela è stato il gruppo calabrese Abramo che, proprio in virtù del nuovo accordo, sbarcherebbe nell’Isola ma ha già annunciato di voler assorbire i dipendenti impiegati precedentemente dal call center siciliano. Ma è proprio sui numeri che non c’èconcordia. Se da un lato il gruppo calabrese sostiene di aver avuto conferma da Wind che i lavoratori sono all’incirca 70, per l’azienda di via Ugo La Malfa sarebbero invece 220 e ciò giustificherebbe le procedure di mobilità annunciate. A chiedere chiarezza sono i sindacati che, al fianco dei lavoratori, annunciano battaglia e pretendono un incontro con il prefetto per affrontare la vertenza con tutti i soggetti coinvolti e ottenere certezze per il l futuro occupazionale dei dipendenti.

KSM. Ridotti i licenziamenti alla Ksm Security spa, l’istituto di vigilanza con sede legale a Palermo. I sindacati hanno siglato ieri un accordo con la società che si occupa di sorveglianza armata che prevede alcune misure per ridurre e rendere meno dolorosi gli esuberi. In particolare l’accordo prevede una riduzione del numero degli esuberi dichiarati per Palermo che passano da 65 a 50 mentre a Catania e Messina sono praticamente scongiurati: la procedura interesserà 25 unità di personale ma solo ed esclusivamente su base volontaria e solo per coloro che entro 30 giorni esprimeranno la volontà di accesso alla mobilità.

A Palermo invece i criteri di scelta delle 50 guardie giurate che andranno in mobilità saranno innanzitutto la volontarietà, quindi sarà data precedenza ai nati prima del 30 giugno 1952 con almeno 20 anni di contributi e che raggiungeranno il requisito pensionistico di vecchiaia di 66 anni e 7 mesi nel 2018, al termine della mobilità. Infine l’azienda potrà eventualmente procedere con i criteri di legge riconoscendo un punteggio di 0,50 per carico familiare e un punto per ogni anno di anzianità di servizio. A coloro che andranno in mobilità verrà riconosciuto un incentivo mensile lordo di 300 euro mensili come integrazione della indennità di mobilità. Ai lavoratori  verrà erogato il Tfr secondo la legge e coloro che per almeno sette anni hanno svolto turno notturno potranno usufruire delle agevolazioni previste dalla legge per i lavori usuranti.

La Ksm conta in Sicilia un migliaio di addetti. “Riteniamo che con l’impegno di tutti la procedura si possa chiudere senza traumi  – dice Marianna Flauto, segretario generale della Uiltucs Sicilia  –  inoltre l’azienda ha assicurato che è sempre impegnata a garantire la prosecuzione delle attività attraverso la formazione e l’utilizzo di strumenti all’avanguardia e tecniche innovative sui sistemi di sicurezza. Tutti elementi che lasciano ben sperare per il futuro”. Soddisfatta anche Mimma Calabrò, segretario regionale della Fisascat Cisl Sicilia: “Siamo riusciti a ridurre al minimo il numero di esuberi e a tutelare le fasce più deboli”. La Uiltucs intanto ha messo a disposizione i propri uffici di via Enrico Albanese, 19 a Palermo per ricevere assistenza e informazioni.

Almaviva annuncia in Sicilia 2500 esuberi. Rischio anche per il call center 4U. Ksm riduce i licenziamenti 2015-11-13T11:12:00+00:00