Frane in Sicilia, arriva un piano da 377 milioni di euro

Frane in Sicilia, arriva un piano da 377 milioni di euro.  Nel prossimo Consiglio dei Ministri verrà approvato il documento finale con il dettaglio degli interventi previsti dal piano da 377 milioni contro il rischio idrogeolico in Sicilia. Parte consistente dei fondi sarà destinata a opere di difesa della costa siciliana contro i fenomeni erosivi nell’area ionica, tirrenica e licatese, oltre alla messa in sicurezza dei torrenti del Messinese, soprattutto nelle zone che in questi ultimi anni hanno subito gravi danni per le alluvioni.

«Contiamo di avviare i primi cantieri in estate. Una volta arrivato l’ok definitivo da Roma, nella riunione conclusiva di questa settimana – spiega l’assessore regionale all’ambiente, Maurizio Croce – si dovrà attendere la delibera del Cipe che renderà operativo il programma degli interventi. In questi giorni stiamo sistemando in modo puntuale il documento finale   con l’elenco dettagliato degli interventi. Ma si tratta di modifiche di forma, non di sostanza: sia l’ammontare delle risorse che gli interventi non cambiano».
I 377 milioni del piano, approvato dalla giunta regionale il 29 dicembre scorso, sono quelli previsti all’interno del Patto per il Sud e stanziati per il periodo 2014-2020. Sono fondi assegnati a progetti contro il dissesto idrogeologico che riguardano diverse zone dell’Isola.

Il dissesto idrogeologico nella regione è altissimo, le porzioni di territorio ‘consumato’ sono enormi e neanche questo piano sarà sufficiente a risolvere la situazione, ma sarà comunque l’inizio di interventi importanti. I lavori si conta di avviarli fra l’anno in corso ed il prossimo ma i fondi valgono fino al 2020

Frane in Sicilia, arriva un piano da 377 milioni di euro 2016-03-14T11:36:15+00:00