Openpolis: Comuni incapaci di fare investimenti. Il dettaglio in Sicilia

Palermo e Catania si piazzano agli ultimi posti in Italia per la capacità dei grandi Comuni di fare investimenti: il Comune etneo è proprio ultimi mentre per palermo la situazione è leggermente migliore. Ma in questa classifica non è messa bene nemmeno Messiona. Sono le conclusioni del dossier elaborato da Openpolis, associazione che opera dal 2006 e si occupa di progetti per l’accesso alle informazioni pubbliche, civic media che promuovono la trasparenza e la partecipazione democratica dei cittadini della rete: «Gli investimenti di un Comune possono essere decisivi per lo sviluppo locale, sia in termini di posti di lavoro sia di infrastrutture a disposizione dei cittadini – spiegano gli esperti di Openpolis -. Abbiamo analizzato quanta parte dei bilanci comunali viene destinata alle spese in conto capitale.
chartNel corso degli ultimi anni, la quota di investimenti pubblici nell’economia si è considerevolmente ridotta, innanzi tutto quella dei comuni».
I soldi che annualmente escono dalle casse del comune si possono distinguere tra:
spesa corrente, cioè il denaro che serve al normale funzionamento della città (stipendi dei dipendenti, acquisto di beni, manutenzione delle opere pubbliche, servizi erogati ai cittadini);
spesa per investimenti (anche detta “in conto capitale”). Si tratta delle spese straordinarie (come la costruzione di infrastrutture o l’acquisto di immobili), di solito destinate a progetti di lungo termine per lo sviluppo della comunità e del territorio.
La dimensione di quest’ultima voce di bilancio diventa strategica per capire quanto il comune sia occupato nell’ordinaria amministrazione oppure impegnato in attività di sviluppo.
Per fornire questa misura, openbilanci mette a disposizione un proprio indicatore sintetico. Le spese in conto capitale sono calcolate in percentuale su quelle correnti. Il dato finale è una media dell’ultimo triennio, per rendere l’analisi più solida e di lungo periodo. Nel nostro caso, i bilanci considerati sono i consuntivi del 2011, 2012 e 2013.
Maggiore è il valore, più alta è la propensione del Comune ad investire.
Il Comune con la propensione a investire più alta è Milano , dove la percentuale supera il 56%. Sul podio anche Venezia (28,59%) e Napoli (27,67%).
Agli ultimi posti per investimenti tre città del sud: Palermo, Bari e Catania , rispettivamente con 11,28%, 10,55% e 6,59%.

Ecco il dettaglio Comune per Comune

[table id=5 /]

Openpolis: Comuni incapaci di fare investimenti. Il dettaglio in Sicilia 2016-05-25T09:57:10+00:00