Pantelleria, il Parco nazionale sarà realtà a breve

Immediata reazione del governo regionale dopo il gravissimo incendio che ha danneggiato gli insediamenti boschivi di Pantelleria. D’intesa con il ministero dell’Ambiente, il presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta ha proposto in giunta la costituzione del Parco di Pantelleria, il cui testo approderà in Conferenza Stato-Regioni il prossimo 29 giugno. Intanto il presidente ha dato mandato al direttore della programmazione, Vincenzo Falgares, in collaborazione con i dipartimenti interessati, di predisporre un pacchetto di interventi da inserire nel “patto per il Sud”, che verrà approvato nella prossima giunta. “Quel rogo – dichiara Crocetta – come accertato, fu doloso, forse opera – come non esclude chi indaga – di coloro che si oppongono agli strumenti di protezione del territorio. Il parco ha tra i suoi obiettivi proprio quello di blindare ulteriormente l’ambiente e di favorire la rigenerazione del patrimonio boschivo”.

Dalle parole del ministro dell’Ambiente Galletti sembra che la strada sia intrapresa: “Pantelleria rinascerà grazie alla forza e alla passione dei suoi abitanti, soprattutto dei suoi giovani e avrà una spinta in più, quella del parco nazionale che sarà istituito sull’Isola. Pantelleria tornerà più bella, più verde e più protetta di prima”.
A proposito dell’incendio che per quattro giorni ha devastato l’Isola, Galletti “incoraggia la popolazione di Pantelleria”.
E, pronto a farne un parco, fa presente che ”se qualcuno pensava di cancellare con il fuoco le speranze, il futuro, la straordinaria specialità dell’Isola non ha capito niente dei panteschi ma nemmeno dello stato e di questo ministero”.
Il passaggio in Conferenza Stato-Regioni – a quanto si apprende – prevede un’intesa con la Regione Siciliana sul decreto predisposto dal dicastero di via Cristoforo Colombo, che darà poi il via libera alla nascita del parco. Tra i punti che porteranno all’Isola una tutela in più la vastità dell’area: tutta Pantelleria infatti dovrebbe esser vincolata, a parte i tre centri abitati, con la superficie del parco che dovrebbe coprire l’80-85% del territorio; cosa che è una salvaguardia in più rispetto all’ultima proposta, poi rimasta a decantare nel limbo burocratico dal 2011. Qualora si giungesse all’istituzione del parco, in attesa della costituzione degli organi dell’ente, dovrebbe assumerne la guida un commissario ad hoc.
”Mi sembra un’ottima risposta anche agli eventi degli ultimi giorni – osserva il presidente di Federparchi Giampiero Sammuri, riferendosi all’incendio – anche se l’idea di istituire un parco nazionale in questa Isola meravigliosa va oltre quanto accaduto. Non solo sarà possibile recuperare al meglio il territorio distrutto dall’incendio ma sarà anche creare un presidio permanente per la tutela”.
Parla di ”buonissima notizia, la risposta migliore agli incendi, a questi assassini di bellezza”, il presidente di Legambiente Sicilia, Gianfranco Zanna, che allo stesso tempo lancia ”una nuova sfida, e cioè quella di affiancare al parco anche l’area marina protetta. L’augurio è che non ci si fermi a Pantelleria ma che si vada avanti, perché per esempio del parco ne hanno bisogno anche le Eolie e le Egadi”.

ORRU’. “Giudichiamo in modo molto positivo la notizia data oggi dal ministro Galletti, che intende portare  in Conferenza Stato-Regioni la proposta di fare di Pantelleria un parco nazionale. L’isola è un esempio di civiltà, forza e bellezza, al centro del dramma dei migranti. Il fatto che sia stata colpita anche da un incendio doloso fa pensare che il miglior modo di difenderla e rilanciarla sia quello di mettere in salvo il suo immenso patrimonio naturalistico e ambientale. Venerdì saremo in sopralluogo proprio nella zona dell’incendio e avremo modo di parlare anche della grande opportunità di futuro costituita dall’istituzione del parco nazionale”. Lo dicono i senatori dem Pamela Orrù e Stefano Vaccari, capogruppo del Pd nella Commissione Ambiente. “E’ poi necessario – proseguono i due senatori – affrontare i problemi peculiari delle isole minori con un provvedimento apposito. Il disegno di legge di cui è prima firmataria la senatrice Orrù, in discussione al Senato, predispone un pacchetto di misure finalizzato a agevolare fiscalmente le imprese e i residenti, migliorare la situazione dei collegamenti e dei servizi e quindi la qualità della vita degli abitanti e delle migliaia di turisti che le visitano ogni anno”.

SANTANGELO. Il senatore Santangelo del M5S, alla ripresa dei lavori d’aula al Senato, ha presentato una interrogazione a risposta urgente al Presidente del Cosiglio, rimarcando tra l’altro, l’Isola di Pantelleria ha ottenuto nel Novembre 2014 anche il prestigioso riconoscimento Unesco, come bene immateriale dell’umanità anche grazie alla sua pratica millenaria della vite ad alberello, ma soprattutto si è fatto portavoce del messaggio lanciato dai cittadini panteschi al governo #SavePantelleria: “Ricostruiamo la bellezza di Pantelleria”.

Il portavoce nella sua interrogazione chiede se risulti al governo, se la macchina dei soccorsi sia stata tempestiva negli interventi di spegnimento e se intenda valutare per il 2017 l’inizio della campagna estiva AIB al 15 maggio, inoltre anticipando l’assegnazione dei “Canadair” nella basi aeree in Sicilia, Calabria, Puglia e Sardegna al fine di garantire un immediato ed efficace intervento di spegnimento degli incendi. “Sembra – ha aggiunto Santangelo – che ancora non sia stato ufficializzata la campagna estiva AIB 2016 e tutto ciò mi preoccupa molto con le imminenti elevate temperature estive. Tra l’altro visto quanto accaduto a Pantelleria, ho chiesto alla presidenza del Consiglio dei ministri se intenda dichiarare lo stato di emergenza e quali iniziative intenda adottare al fine di affrontare le ripercussioni economico-sociali che investiranno il territorio di Pantelleria.”

Pantelleria, il Parco nazionale sarà realtà a breve 2016-06-08T09:52:51+00:00