L’Anci Sicilia si prepara a rinnovare i suoi organismi dopo la gestione di Leoluca Orlando

L’Anci Sicilia si prepara a rinnovare i suoi organismi dopo la non semplice gestione di Leoluca Orlando. L’assemblea congressuale si svolgerà’ il prossimo 7 novembre. Durante l’incontro di oggi che ha deciso la data, Orlando – la prossima primavera impegnato a succedere a se stesso come sindaco di Palermo – ha ribadito come “l’Anci debba rappresentare un concreto punto di riferimento per le amministrazioni comunali, garantendo la massima unita’ possibile cosi’ come e’ stato in questi ultimi anni. Unita’ che non significa massificare le opinioni ma tenere in grande considerazione le necessita’ degli enti locali che versano da troppo tempo in uno stato di crisi cui non si e’ riusciti a trovare soluzioni adeguate. Il nostro obiettivo rimane costantemente quello di raggiungere un’intesa istituzionale e per questo motivo torneremo a chiedere un incontro con governo nazionale e regionale e con Anci per riportare in primo piano la drammatica situazione dei comuni siciliani”. Anche il sindaco di Catania e presidente del Consiglio nazionale dell’Anci, Enzo Bianco, ha evidenziato le enormi difficoltà’ che ogni giorno affrontano i sindaci siciliani, spesso impossibilitati a svolgere il proprio ruolo con serenità’ e con strumenti necessari e adeguati. “L’uso della nostra autonomia e gli eccessivi vincoli amministrativi che dobbiamo affrontare ogni giorno – ha spiegato – spesso ci fanno rimpiangere di non essere sindaci in altre città’ italiane. Ma sono convinto che proprio per adempiere con serenità’ al nostro incarico, sia necessario puntare sull’autonomia dell’associazione a tutela degli interessi che rappresentiamo, rinnovando lo spirito unitario per affrontare la difficile e delicata stagione che ci aspetta”. “Questo – ha aggiunto il vice presidente dell’Anci Sicilia, Salvatore Lo Biundo – e’ sicuramente il periodo più’ nero nella storia dei sindaci siciliani. Siamo stati abbandonati al nostro destino e costretti ad affrontare da soli il fallimento delle nostre amministrazioni. Sono convinto che l’Anci debba continuare a svolgere un ruolo propositivo nell’ambito di un dialogo istituzionale in grado di far riemergere i comuni dal baratro”.

L’Anci Sicilia si prepara a rinnovare i suoi organismi dopo la gestione di Leoluca Orlando 2016-09-20T06:09:29+00:00