Acquisti verdi, l’Arpa adotta il documento programmatico di indirizzo

Il commissario straordinario di ARPA Sicilia, Salvatore Cocina, ha adottato il “Documento di indirizzo programmatico per gli acquisti verdi”, che ha lo scopo di introdurre nell’azione amministrativa dell’Agenzia modelli gestionali protesi a ridurre “l’impronta ecologica” della propria attivita’. ARPA Sicilia, partner di Agenda 21 Sicilia, avendo aderito alla Rete regionale GPPinfoNET si e’ dotata cosi’ di uno strumento gestionale capace di promuovere la riduzione degli impatti ambientali, in linea con le raccomandazioni del Protocollo di Kyoto del 1997 e della piu’ recente strategia Europa 2020 che fissa al 2050 l’azzeramento delle emissioni di CO2.

“Il Documento – spiega Cocina – rappresenta, in sostanza, la codifica di norme comportamentali a cui riferirsi nell’azione quotidiana dell’Amministrazione: investe tutti gli aspetti derivanti dallo svolgimento dei compiti istituzionali e quindi comprende anche i singoli comportamenti dei lavoratori”.

Per l’approvvigionamento dei beni di consumo l’indicazione e’ quella di fare ricorso sempre di piu’ agli “appalti verdi” per l’acquisto di prodotti “verdi”, prodotti cioe’ il cui life cycle risulta controllato dall’origine certificata della materia prima fino allo smaltimento finale del prodotto stesso. Cio’ investe la scelta di prodotti di cancelleria “verdi”, ma anche di apparecchiature elettroniche che devono garantire maggiore efficienza energetica, cosi’ come l’illuminazione dei locali e la forma di condizionamento estivo ed invernale. Saranno “verdi” anche i prodotti utilizzati per la pulizia dei locali (ISO 1) e le vernici destinate agli arredi o per la tinteggiatura delle pareti.

Anche il parco macchine comincera’ ad arricchirsi di modelli elettrici o EURO 5 di ultima tecnologia e rivolti al risparmio energetico, ed alla promozione di forme alternative di mobilita’.

Nei laboratori si metteranno in atto procedure piu’ sicure e si cerchera’ di smaltire nel modo piu’ corretto e meno impattante le sostanze di scarto, compresa l’acqua utilizzata per gli esami. E, cosa molto importante, si implementera’ la raccolta differenziata nei locali di lavoro dell’Agenzia, che coinvolgera’ i comportamenti dei singoli operatori.

“ARPA Sicilia – conclude Cocina – con questa realta’ gestionale intende, quindi, proseguire l’esperienza dell’introduzione al proprio interno di forme di autoregolazione della sostenibilita’ dei propri comportamenti, con il desiderio di contribuire al rafforzamento della Rete GPPinfoNET, supportando anche, se occorre, gli altri rami dell’Amministrazioni regionale, cosi’ come vuole la sua mission istituzionale”.

Acquisti verdi, l’Arpa adotta il documento programmatico di indirizzo 2012-05-21T11:42:53+00:00