La riforma delle norme di attuazione dello Statuto siciliano in materia di credito e risparmio

Si svolgerà a Palermo, venerdì 19 aprile, dalle ore 9.30, presso l’Aula Magna “Paolo Borsellino”, della Facoltà di Scienze politiche (Collegio San Rocco – Via Maqueda 324) il Convegno sulla “Riforma delle norme di attuazione dello Statuto siciliano in materia di credito e risparmio”, organizzato dalla Facoltà di Scienze politiche dell’Università di Palermo in collaborazione con la Commissione Regionale dell’ABI.

Le nuove norme di attuazione dello Statuto siciliano in materia di credito e risparmio, contenute nel d.lgs 205/2012, le quali, dopo sessant’anni, hanno dato un nuovo ordinamento in materia alle Regione, le precedenti infatti erano del 1952, adeguando così la disciplina regionale in materia al mutato quadro dell’ordinamento bancario europeo, consentendo così all’Amministrazione regionale di utilizzare appieno la competenza attribuita dallo statuto in materia e nel contempo riconoscendo la funzione di un importante istituto quale l’Osservatorio regionale sul credito che la Regione Siciliana ha introdotto per prima nel nostro Paese.

A conclusione del lungo negoziato con lo Stato avviato alla fine degli anni ’80 (Commissione Onida), le nuove norme di attuazione in materia di credito e risparmio offrono alla Regione forme e strumenti di intervento amministrativo coerenti con le regole di matrice europea in un contesto di cooperazione rafforzata con la Banca d’Italia e le competenze di vigilanza dell’Eurosistema.

Nuove regole, quindi, per un sistema bancario regionale profondamente mutato dall’emanazione dello Statuto siciliano ad oggi, ma dal quale la profonda crisi dell’economia rende ancor più rilevante il ruolo per poter assicurare le imprese alle famiglie siciliane una prospettiva di crescita e di sviluppo.

L’Assessore regionale all’Economia Luca Bianchi, l’On. Antonio Dina, il Presidente della Commissione Bilancio dell’Assemblea Regionale Siciliana, l’avvocato Francesco Greco, Presidente dell’Ordine degli Avvocati e il dottor Fabrizio Escheri,  Presidente dell’Ordine dei Commercialisti degli Esperti Contabili di Palermo, danno i saluti.

Le relazioni del convegno saranno curate dal prof. Pietro Busetta, docente di Statistica economica dell’Università di Palermo, da Giovanni Chelo, Regional Manager Sicilia di Unicredit e Presidente della Commissione ABI-Sicilia, da Giuseppe Bologna dirigente generale del Dipartimento Finanze della Regione Sicilia.

Chiuderanno i lavori il prof. Alberto Stagno d’Alcontres, docente di diritto Commerciale dell’Università di Palermo e il prof. Gaetano Armao, docente di diritto Amministrativo europeo e comparato dell’Università di Palermo.

Il Preside della Facoltà di Scienze Politiche, il prof. Antonello Miranda, presiede i lavori.

Per i partecipanti sono previsti dei crediti formativi. Ai fini della Formazione Professionale Continua degli Ordini degli Avvocati di Palermo sono previsti 5 crediti formativi e per i Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Palermo sono previsti 4 crediti formativi. Per gli altri studenti è previsto 1 credito formativo.

La riforma delle norme di attuazione dello Statuto siciliano in materia di credito e risparmio 2013-04-16T10:58:49+00:00