Sicilia, edilizia: le proposte di professionisti e imprenditori per riaprire i cantieri

Ripartiamo con lo sviluppo, riapriamo i cantieri in Sicilia. Non lascia spazio a dubbi il titolo – e anche l’obiettivo – del convegno in programma venerdì 4 luglio, alle 10.00, all’Aga Hotel di Catania (viale Ruggero di Lauria 43).
L’evento è organizzato dall’Ordine degli Architetti, degli Ingegneri e dall’Ance di Catania, in collaborazione con i rispettivi enti regionali, le due Consulte professionali e Ance Sicilia. Professionisti, imprese, amministratori – alla presenza di autorità comunali, regionali, parlamentari europei – e altre parti sociali chiamate in causa si confronteranno su strategie, proposte e concrete possibilità che la Sicilia possiede, con l’obiettivo di fare riaprire i propri cantieri per realizzare opere pubbliche.
«Se da un lato eccesso e sovrapposizione di norme incentivano la burocrazia, dall’altro scoraggiano gli investimenti privati e immobilizzano le attività degli Enti pubblici – affermano i presidenti Giuseppe Scannella (Architetti Ct), Santi Maria Cascone (Ingegneri Ct), Nicola Colombrita (Ance Ct) – è necessario quindi ridiscutere l’assetto burocratico, anche in armonia con le direttive e i richiami dell’Unione Europea, per chiarire i motivi degli impedimenti che ritardano e a volte ostacolano la crescita delle attività produttive, industriali, turistiche e commerciali».

L’incontro vuole essere un’occasione per ribadire l’urgenza di snellire tutte le procedure, per consentire l’apertura dei cantieri in Sicilia in considerazione dell’urgente necessità di utilizzare le risorse messe a disposizione dalla comunità europea. Per questa ragione il programma prevede la presenza di una significativa rappresentanza politica, tra cui l’europarlamentare Giovanni La Via, l’assessore regionale alle Infrastrutture Nico Torrisi, l’assessore ai Lavori pubblici del comune di Catania Luigi Bosco; alcuni recenti chiarimenti legislativi verranno presentati dal dirigente generale del Dipartimento Tecnico della Regione Siciliana- assessorato Infrastrutture Vincenzo Sansone.
«Il problema occupazione è un’emergenza sociale per il nostro Paese – sottolineano i presidenti degli enti regionali Giovanni Lazzari (Consulta Architetti), Giuseppe Margiotta (Consulta Ingegneri), Salvo Ferlito (Ance Sicilia) – occorre che tutte le realtà produttive e la politica siano insieme impegnate per attuare le strategie e le proposte per utilizzare al meglio tutte le risorse umane, economiche e progettuali oggi presenti in Sicilia e risolvere questa emergenza. La nostra preoccupazione è che la Regione non riesca a spendere le risorse ad essa destinate, da utilizzare entro il 2015, e che così finiranno ad altre regioni europee».

Il convegno si pone, dunque, come un’occasione da cui ripartire per favorire la produzione progettuale di opere pubbliche e di infrastrutture, consentendo a professionisti e imprese di invertire la tendenza al licenziamento con nuove possibilità di assunzioni soprattutto nell’ambito giovanile.

Sicilia, edilizia: le proposte di professionisti e imprenditori per riaprire i cantieri 2014-07-03T04:43:54+00:00