Disoccupazione in crescita in Sicilia

Seppure sia prevista una flessione del trend negativo per il 2012, per i lavoratori o per chi cerca occupazione al  Sud è un periodo tutt’altro che facile: 42 mila posti di lavoro in meno (-1,7%). E’ quanto emerge dall’indagine Excelsior di Unioncamere e ministero del Lavoro che raccoglie le previsioni di assunzione delle imprese nell’industria e nei servizi. Le province siciliane fanno registrare, tutte un calo dell'occupazione al di sotto della media nazionale, che di -1.1%. Il primato va ad Enna, Ragusa e Siracusa dove il saldo tra le entrate e le uscite si attesta a quota -3%. Messina, Catania, Caltanissetta e Agrigento si attestano su un -2%. Seguono a ruota Palermo (-1,8%) e Trapani (-1,6%).

  Vediamo i numeri: per 35.550 assunzioni previste in Sicilia nel 2012, ci saranno 47.070 lavoratori che, tra scadenze di contratto, licenziamenti e pensionamenti, diranno addio al posto di lavoro. Il saldo è negativo: -11.520.  In generale sono 12.580 le assunzioni previste nell’industria. Tengono le porte aperte a 1.280 lavoratori soprattutto le industrie alimentari, delle bevande e del tabacco. Bene anche le metallurgiche (790 assunzioni). Nei servizi sono previste 22.970 assunzioni. I servizi di alloggio e ristorazione fanno la parte del leone (8.860 posti) assieme al commercio al dettaglio (3.510). Il settore delle costruzioni conta di impiegare 8.330 unità, pur facendo registrare un tasso di variazione occupazionale di -4,9%. Previsioni fosche anche per i lavori di impianto tecnico (-4%) e per le industrie di beni per la casa e tempo libero (-5,2%)

 

 

Disoccupazione in crescita in Sicilia 2012-08-08T15:25:52+00:00