Covid, Sicindustria: strutture socio-sanitarie al collasso

in
Notizie dalla Sicilia https://ilmattinodisicilia.it/wp-content/uploads/2021/03/door-349807_640.jpg https://ilmattinodisicilia.it/wp-content/uploads/2021/03/door-349807_640-150x150.jpg il Mattino di Sicilia - Sicilia notizie 0 https://ilmattinodisicilia.it/covid-sicindustria-strutture-socio-sanitarie-al-collasso/#respond
274
Condividi

“Le Rsa e le strutture socio-sanitarie siciliane sono sull’orlo del baratro”, denuncia Francesco Ruggeri, presidente della sezione ‘Strutture socio-sanitarie’ di Sicindustria, dopo aver riunito la propria assemblea. Quello che fino al mese scorso era una richiesta di attenzione, oggi è dunque vero e proprio grido d’allarme.

“Il 2020 è stato, come per tante imprese, un anno devastante. Le strutture socio sanitarie e le Rsa sono ormai al collasso. Non c’è un aggiornamento Istat delle rette da circa vent’anni e a causa delle misure restrittive per il contenimento della pandemia, i ricoveri sono crollati di oltre il 50%. Nonostante questo finora ci siamo imposti di mantenere integro l’intero organico, che consideriamo una parte fondamentale delle nostre imprese. Così però non possiamo più andare avanti. Abbiamo chiesto alla Regione di riconoscere, come previsto a livello nazionale, anche per quest’anno, a titolo di ristoro, il 90 per cento della quota di budget assegnato e che, a causa della pandemia, non può essere coperto dalle prestazioni rese e rendicontate mensilmente. Ma ancora non c’è nulla. Anzi peggio, perché molte delle Asp siciliane non hanno neanche pagato i ristori del 2020, già previsti dalla Regione”.

Da qui l’appello delle imprese del comparto: “Chiediamo al presidente della Regione, Nello Musumeci, e all’assessore alla Sanità, Ruggero Razza, di imprimere una accelerazione sia sul fronte dei ristori per il 2021, sia verso le Asp affinché provvedano ad erogare quanto dovuto per l’anno scorso.  Noi continuiamo a lavorare garantendo il massimo dell’assistenza e della professionalità ai nostri ospiti e pazienti, ma senza un supporto concreto tutto questo non sarà più possibile e molte delle nostre aziende saranno costrette a chiudere”.

https://ilmattinodisicilia.it/wp-content/uploads/2021/03/door-349807_640.jpg