Le indagini della Guardia di Finanza etnea riguardano l'azienda di Adrano che opera nel settore dei trasporti e di Antonio Siverino, Francesco Siverino e Maurizio Sangrigoli