L'organizzazione criminale legata a Cosa nostra e a gruppi jihadisti faceva capo ad indagati residenti a Palermo