Si tratta di Giuseppe Rapisarda e del figlio Vincenzo accusati di emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, occultamento e distruzione di scritture contabili